Vurria (Martino – Familiari – Martino) è un brano presente in Il meglio dei Mattanza e in I Bronzi di Riace – Soundtrack.

Vurria essiri milu si putissi,
e dint’o pettu toi nci giriassi.
Vurria essiri seggia e ti sidissi
e jeu cu’ li ginocchia ti jucassi.
No, non mi ndi curu s’idda mi mangiassi,
no, basta chi ’ntra lu cori mi tinissi,
si accusì sulu ti starìa vicinu
e no c’ave a guardari de luntanu.

Vurria patiri i guai di lu linu,
scippatu tuttu e stisu chianu chianu,
mintutu a moddu e mazziatu finu,
fin’a chi non ristassi un filu sanu.
No, non mi ndi curu s’idda mi stirassi,
no, basta chi ’ntra li mussa mi tinissi,
si accusì sulu ti starìa vicinu
e no c’ave a guardari de luntanu.

Intr’a lu fundu di lu mari issi,
vinissi un piscaturi e mi piscassi
e ’ntra la vucciria mi bandiassi,
e lu me’ amanti a cumprar mi vinissi.
No, non mi ndi curu s’idda mi mangiassi,
no, basta chi ’ntra lu pettu mi tinissi,
si accusì sulu ti staria vicinu
e no c’ave a guardari de luntanu.

Vorrei essere una mela, se potessi,
e starmene dentro il tuo petto.
Vorrei essere sedia, e che tu ti sedessi
e io sulle ginocchia ti farei giocare.
No, non m’importa se lei mi mangia,
no, purché mi tenga dentro il suo cuore,
se solo così posso starti vicino
e non devo guardarti da lontano.

Vorrei patire le sofferenze del lino,
strappato tutto e steso piano piano,
messo a mollo e battuto finemente,
finché non resta intero neanche un filo.
No, non m’importa se lei mi tira,
no, purché mi tenga tra le sue labbra,
se solo così posso starti vicino
e non devo guardarti da lontano.

Andrei in fondo al mare,
un pescatore verrebbe a pescarmi
mi venderebbe al mercato,
e il mio amante verrebbe a comprarmi.
No, non m’importa se lui mi mangia,
No, purché mi tenga dentro il suo petto,
se solo così posso starti vicino
e non devo guardarti da lontano.

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.