Vitti ‘na crozza è un brano presente nell’album Viaggio e nella raccolta Il meglio dei Mattanza.

Per il progetto Mattanza, Vitti ‘na crozza è uno dei brani simbolo, un esempio di recupero del patrimonio letterario del Sud.
Nell’intervista di Valeria Guarniera del 16 Luglio 2013, Mimmo Martino dice:
«La tecnica della cosiddetta “cultura egemone” tende ad appiattire, ad annullare e a far apparire la cultura popolare come cosa da niente, senza valore. Quindi si cade nella trappola di banalizzare, rendendo magari più ballabili canzoni come “Vitti ‘na crozza” che è un brano di una bellezza mozzafiato, di cui molti non conoscono il significato. Ci sarebbe da chiedersi il perché e, a mio parere, il perché è quel “tirullallero” che, banalizzando il testo, induce la gente a pensare che sia una canzonetta senza significato. Da ballare e non da ascoltare. Questa superficialità è il dramma della società comune ed è assolutamente da abbattere.»
Secondo Mimmo Martino, la banalizzazione del testo di Vitti ‘na crozza è rappresentativa della la mattanza subita dalla cultura popolare.

Vitti ’na crozza supr’a ’nu cannuni,
fui curiusu e nci vosi spiari.
Idda m’arrispunnìu cu’ gran duluri:
“Murìa senza un toccu di campani.

Cunzatimi, cunzatimi ’nu lettu
ca da li vermi su’ mangiatu tuttu,
si non lu scuntu ccà lu me’ piccatu
lu scuntu a chidda vita a sangu ruttu.

Suli ca spacchi ’i petri d’a chianura,
suli ca bruci l’ossa p’a calura,
sulu lu chiantu di la donna amata
po’ rinfriscari ’st’alma scunsulata.”

Si nni jeru, si nni jeru li me’ anni,
si nni jeri, si nni jeru non sacciu unni.
e ora ca su’ arrivatu a ottant’anni
chiamu la vita e ’a morti m’arrispunni.

C’è ’nu giardinu ammenzu di lu mari,
tuttu ’ntessutu di aranci e sciuri,
tutti l’aceddi nci vannu a cantari,
puru ’i sireni nci fannu all’amuri.

Ho visto un teschio sopra un torrione,
ero curioso e ho voluto domandargli.
Lui mi ha risposto con gran dolore:
“Sono morto senza il rintocco di una campana.

Preparatemi, preparatemi un letto
ché sono tutto mangiato dai vermi,
se non lo sconto qua, il mio peccato
lo sconterò nell’altra vita piangendo a dirotto.

Sole che spacchi le pietre della pianura,
sole che bruci le ossa per il caldo,
solo il pianto della donna amata
può ristorare quest’anima sconsolata.”

Se ne sono andati, se ne sono andati i miei anni,
se ne sono andati, se ne sono andati non so dove.
Ora che sono arrivato a ottant’anni
chiamo la vita e la morte mi risponde.

C’è un giardino in mezzo al mare,
tutto intessuto di aranci e fiori,
tutti gli uccelli ci vanno a cantare,
pure le sirene ci fanno l’amore.

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.