‘Stati (Martino – Petea – Martino) è un brano presente nell’album Viaggio e nella raccolta Il meglio dei Mattanza.

‘Stati è un elogio della stagione estiva intrecciato a una raccolta di filastrocche popolari tradizionalmente adoperate come conte e ordinate dalla più antica alla più recente.
Fra queste spicca Passa paperino, una conta di inizio ‘900 nel cui testo originario si fa riferimento alla partenza di un bersagliere per la guerra:

Passa Paperino/ con la pipa in bocca/ guai a chi la tocca/ lasciatelo passare/
mamma non piangere/ che è ora di partire/ se vincerò/ qui a casa tornerò
se perderò /in battaglia resterò
hanno vinto i bersaglieri/ con la piuma sul cappello/ e davanti al colonnello/ esce fuori esce fuori proprio quello.

S’a genti parra mali di la stati
nc’hannu a pigghiari mali ’nte costati.
Non vitti mai di giugnu nivicari
o supr’o mari quagghiari la nivi.
Non vitti mai li lupi pecurari,
la vurpi guardiana r’i jaddini.

Palitta palitta, signura cummari
tegnu ’na figghia, non sapi jucari,
sapi jucari a vintiquattru, unu, dui, tri e quattru,
sapi jucari a vintitrì, unu, dui e tri.

Si chiovi, poi, esti acqua di giugnu
e po’ cacciari ’u pani di lu furnu.
Ma quandu chiovi ’u suli a liuni
tu nc’hai a dassari ’i malu patruni.
Po’ seminari sempri quandu voi
e quandu rriva giugnu va’ e t’u meti.

Gallinedda zoppa zoppa, quanti pinni teni ’n goppa
eu ndi tegnu vintitrì, unu, dui e tri.
Eu ndi tegnu vintiquattru, unu, dui, tri e quattru.

Ca puru imbernu esti poi agustu
pi’ chistu non c’è nuju jornu giustu.

Naru naru naru naru, quattru e cincu lu pagghiaru
la ricotta senza seru si la mangia ’u pecuraru.
Tavula vecchia e tavula nova, cà si muccia e cà si trova
tavula vecchia e tavula nova, cà si muccia e cà si trova.

Passa paperino con la pipa in bocca, guai a chi la tocca,
l’hai toccata tu, esci fuori prima tu, con l’accento sulla eh!

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.