Spira ’i luna (tradizionale – Martino) è un brano presente nell’album Nesci Suli e nella raccolta Il meglio dei Mattanza.

Passava di ’sti rughi ’nta ’na sira
lucenti m’apparìa ’na spira ’i luna.
Si era di notti, non ci vulìa lumera,
’nzo cu’ passa di cca si nd’annamura.

Vida li toi billizzi e si dispera
e povireddu jeu chi passu ognura
nescivi cu ’na sorta tantu amara,
cuntari non si po’ la me’ svintura.

Risorviti si t’hai da risorvira
ca cchiù ’n bilanza non mi fidu stara!
Risorviti si t’hai da risorvira
ca cchiù ’n bilanza non mi fidu stara!

Passavo da queste stradine una sera
lucente mi apparve uno spicchio di luna.
Era notte ma non serviva un lume,
così chi passa di qua se ne innamora.

Vede le tue bellezze e si dispera
e poveretto io che passo sempre
sono nato con una sorte tanto amara,
la mia sventura non si può raccontare.

Deciditi se devi deciderti
perché non posso più stare in sospeso!
Deciditi se devi deciderti
perché non posso più stare in sospeso!

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.