Ricchi e povari (Filocamo – Martino) è presente negli album Nesci Suli e Il meglio dei Mattanza.

È uno dei pochi brani con testo di autore non ignoto: è tratto, infatti, da una poesia di Salvatore Filocamo scritta nei primi del ‘900.
Negli anni Settanta, il poeta ha voluto far dono della sua poesia a Mimmo Martino, che ne ha selezionate alcune parti e le ha musicate.

’Stu mundu chi criàu nostru Signuri
cu’ la so’ menti chi non nd’avi uguali
fu criatu cu’ li reguli e misuri:
lu cielu, ’a terra, l’omu e li nimali.

Prima li beni eranu ’n comuni
ca l’omini ’ntra iddi erano uguali:
principi non ’nd’avìa, mancu baruni,
non patruni, non do’, non principali.

Lu prepotenti ’ncatastau dinari
senza cuntu, non pisu e non misuri
e lu spagnusu, chi non seppi fari,
si cuntintau mi campa cu’ l’aduri.

E mo’ pi’ chistu niu simu spartuti
e simu ricchi e poveri chiamati:
li ricchi ’ngurdi e di novu vistuti,
li poveri a diùnu e spinnizzati.

Poveri e ricchi non simu chiù frati
comu ’na vota nenti chiù ’ndi liga:
non paura ’i Diu e non caritati,
’u riccu mangia e ’u poviru fatica.

E vui, Signuri chi tuttu viditi,
picchì ’sti cosi storti suppurtati?
Du’ sunnu ’i cosi: o Vui nun ci siti,
oppure Vui d’i ricchi vi spagnati!
Du’ sunnu ’i cosi: o Vui nun ci siti,
oppure Vui d’i ricchi vi spagnati!

Il mondo che creò nostro Signore
Con la sua mente che non ha eguali
Secondo le sue precise regole
Il cielo, la Terra, l’uomo e gli animali

Allora tutto era in comune
E gli uomini tra loro uguali
Non c\’erano principi o baroni
Padroni, “don”, o “principali”

Il prepotente ha accatastato denari
Tanti da non potersi misurare
E il debole che non ci ha saputo fare
Si è accontentato dell\’odore

Ora per questo noi siamo divisi
E siamo ricchi e poveri chiamati
I ricchi ingordi e di nuovo vestiti
I poveri a digiuno e stracciati

Poveri e ricchi, non siamo più fratelli
Come una volta, più niente ci lega
Né il timor di Dio, né la carità
Il ricco si ingozza mentre il povero fatica

E voi, Signore, che tutto vedete
Tali angherie, perché le sopportate?
Due son le cose: o non esistete
Oppure anche voi i ricchi temete.
Due son le cose: o non esistete
Oppure anche voi i ricchi temete.

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.