Mu serri tin cardia (tradizionale – Martino) è un brano presente negli album Nesci Suli, Il meglio dei Mattanza e I Bronzi di Riace – Soundtrack.

Il testo della canzone alterna versi popolari della tradizione grecanica calabrese a versi in dialetto.

Sì tu bedda chi mi fa’ muriri
na pètano me canni, su cazzedda.
Quandu cu’ ’sti bell’occhi mi rimiri
mu serri tin cardìa me tin cordedda.

Quandu mi parli, mi jochi e mi riri
mu canni to jocu ti sa’ lupuddedda.
’Nu felici jornu avi a veniri
to ema na su pio sa ndi naddedda.

Dammi ’na vota d’acqua, gioia mia,
na pàlino tunda labbra ta camèna.
Non ti pozzu dari, gioia mia:
echo ta spicigna ti to lego.
Pe’ li spiuni dassa fari a mia:
putte passego egò, maglia te canno.

Sei tu, bella, che mi fai morire
Mi fai morire, ragazza
Quando con questi begli occhi mi guardi
Mi stringi il cuore con il tuo laccio.

Quando mi parli, scherzi e mi sorridi
Mi fai il gioco della volpacchiotta
Un giorno felice deve venire
Il tuo sangue berrò come sanguisuga.

Dammi una goccia d’acqua, gioia mia
Perché io spenga queste labbra ardenti.
Non te ne posso dare, gioia mia
Ho le spie che lo dicono.
Per gli spioni lascia fare a me
Dove passo io li faccio stracci.

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.