L’urtima canzuni (tradizionale – Martino) è un brano presente nell’album Nesci Suli e nella raccolta Il meglio dei Mattanza.

L’urtima canzuni è un testo che narra dello stratagemma che uno sposo escogita per sottrarsi allo jus primae noctis, ossia il diritto del barone di consumare la prima notte di nozze con la sposa prima del legittimo marito.

Vegnu ‘sta notti nta lu to’ stratuni
undi mi tira ‘stu cori addumatu.
Vegnu mu t’icu l’urtima canzuni,
ca dumani cu ttia su’ maritatu.
Vegnu mu t’icu l’urtima canzuni,
ca dumani cu ttia su’ maritatu.

T’icu prima mu schiani a lu baruni,
mi ‘nd’ammucciamu arretu a nu steccatu.
Si no t’avvertu: ca non su’ minchiuni,
pemmu siminu ntra lu seminatu.
Si no t’avvertu: ca non su’ minchiuni,
pemmu siminu ntra lu seminatu.

Vengo stanotte nella via di casa tua
verso cui mi attira il cuore innamorato.
Vengo a dedicarti l’ultima canzone,
perché domani con te sarò sposato.
Vengo a dedicarti l’ultima canzone,
perché domani con te sarò sposato.

Ma prima che tu vada dal barone
nascondiamoci dietro uno steccato.
Perché t’avverto: non sono uno stupido,
non seminerò dove altri han seminato.
Perché t’avverto: non sono uno stupido,
non seminerò dove altri han seminato.

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.