Kalavrisella (tradizionale – Martino – Petea – Zumbo) è un brano presente nell’album Viaggio e nelal raccolta Il Meglio dei Mattanza.

Kalavrisella (Calabrisella) è la canzone che rappresenta la Calabria in tutto il mondo. I Mattanza l’hanno reinterpretata volendo porre l’accento su aspetti non presi in considerazione dai più: e se l’innamorato che ruba il fazzoletto alla sua bella fosse adirato? Magari perché costretto ad emigrare anche per andare a studiare? Nel Sud l’unica sede universitaria dell’epoca (1700 circa) era Napoli, la “cittadi” di cui parla il testo.

In un articolo di Qui Calabria, la giornalista Marcella Stilo scrive: «Kalavrisella s’impone al pubblico in una lettura inconsueta, liberata dai “tirullalleru”, espressione tipica dell’etnocidio che riduce la tradizione a immagine macchiettistica, e diventa un canto di rabbia e amore, carnale nelle sonorità accese.»

Nina, ti vitti all’acqua chi lavavi
e lu me’ cori si inchìu d’amuri.
Mentri li panni a la sipala ampravi
eu t’arrubbai lu megghiu muccaturi.

Quandu mi studiu ìa a la cittadi,
bedda non vitti a nuddu comu a tia.
Pensai cu’ pena a ’st’occhi ’nnamurati
e ’nta ’stu muccaturi ti ciangia.

Calabrisella mia, calabrisella mia,
calabrisella mia, facimmu amuri.

Oji chi di la cittadi su’ turnatu
mi guardi e mi sorridi, malandrina.
Dassarìa tuttu quantu ’u dutturatu
sulu p’aviri a tia sempri vicina.

Calabrisella mia, calabrisella mia,
calabrisella mia, facimmu amuri.

Nina, ti ho vista alla fonte che lavavi
e il mio cuore s’è riempito d’amore.
Mentre stendevi i panni sulla siepe
io ti ho rubato il fazzoletto migliore.

Quando sono andato in città a studiare,
non ho visto nessuna bella come te.
Ho pensato con pena a questi occhi innamorati
e in questo fazzoletto ti ho pianto.

Calabrisella mia, calabrisella mia,
calabrisella mia, facciamo l’amore.

Adesso che dalla città sono tornato
mi guardi e mi sorridi, malandrina.
Lascerei tutto il mio dottorato
solo per avere te sempre vicina.

Calabrisella mia, calabrisella mia,
calabrisella mia, facciamo l’amore.

Condividi!

Leave a Reply

Your email address will not be published.